Ipnosi per l’acufene

Ipnosi per l’acufene

acufene ipnosi.jpgL’ipnosi funziona veramente? Molte persone se lo chiederanno perchè è un tema avvolto da grande mistero. La medicina convenzionale spesso disdegna la pratica dell’ipnosi ma ci sono anche voci positive. Per cui a chi bisogna credere?

Sapevi che la scienza medica convenzionale oggi guarda all’ipnosi come risposta a varie malattie? Si, è vero. Psichiatri e psicologi stanno sempre più passando all’ipnosi per raggiungere la mente del paziente. Incominciano a credere che, dal momento che la mente può controllare il corpo, può essere utilizzata per curare una malattia. Se non altro la mente può essere esercitata a rimanere positiva e un atteggiamento positivo spesso aiuta le cure.

Per l’acufene – può l’ipnosi essere di aiuto?

L’ipnosi può di fatto funzionare bene nei casi di acufene. Ciò perchè i rumori che una persona sente di fatto non sono veri rumori, ma solo suoni fantasma. E’in realtà la percezione del sentirli che infastidisce la persona – non c’è assolutamente causa fisica per tali rumori. Per cui l’ipnosi può funzionare in modo che la mente della persona non li senta più. I risultati possono essere stupefacenti. Si dice che dal 50% al 76% degli affetti da acufene può ottenere sollievo dagli acufeni solo con poche sedute di ipnosi. Per alcuni i rumori svaniscono del tutto, per altri si abbassano considerevolmente.

Il problema dell’ipnosi è il mito che la circonda

In realtà la maggioranza della gente non capisce l’ipnosi e come funziona. E’ spesso fuorviata dalle sedute di ipnosi viste alla tv. Qui il terapista mette a dormire una persona e gli ordina di fare ogni tipo di stranezza. Naturalmente nessuno vuole essere completamente vulnerabile alla volontà del terapista, per questo l’ipnosi non è mai diventata una cura tra quelle principali.

Che cosa avviene in realtà in una seduta di Ipnosi?

Una seduta di ipnosi nella vita reale è molto diversa rispetto a quella vista in tv. In questo caso il terapista porterà il paziente ad uno stato di pieno rilassamento. Una volta ottenuto sceglierà tra diverse cure quali terapia della regressione, terapia dell’ego e terapia della suggestione. Un’unica sessione può non dare risultati ma facendone un po’ si noterà sicuramente la differenza.

L’ipnosi stimola la coscienza di sè e fa concentrare meglio la persona. E’ ciò che viene chiamato stato alpha. Quando la persona è in grado di ottenerlo può accedere alla memoria e riconvertire il cervello spezzando il circolo della memoria che genera l’acufene.

Non bisogna mai sottovalutare i poteri della mente. Ha la capacità di bloccare la maggior parte di cuò che vediamo o sentiamo tutti i giorni. Se il cervello non lo facesse non potremmo valutare o analizzare ciò che vediamo o sentiamo. Ma non è quello che succede. Questo è perchè il cervello dà priorità alle cose e ci fa andare avanti nella vita di ogni giorno.

Specialmente quando l’acufene non è legato direttamente ad un problema di salute rischioso curare-acufeni.jpgutilizzando una corretta manipolazione l’ipnosi può ridurre l’intensità dell’acufene.

Inoltre, l’ipnosi può contribuire significativamente al rilassare ed eliminare lo stress dal paziente e molte delle manifestazioni dell’acufene sono direttamente legate ad un prolungato stato d’ansia e stress o ne sono intensificate.

L’ipnosi può apportare sollievo dagli acufeni. Può ridurre temporaneamente i suoni. Ma ricorda, il suono è solo un sintomo. La cosa migliore è curare la causa alla base, invece che votarti a trattamenti sintomatici come l’ipnosi.

L’unico modo per sbarazzarsi per sempre degli acufeni è seguire un approccio di cura olistico. Utilizzando un trattamento multidimensionale per l’acufene, affrontiamo tutti i fattori che lo causano,eliminando alla radice questi elementi scatenanti. Questa è l’unica strada per ottenere una libertà definitiva dall’acufene.

Scaria ora la Guida Miracolo Acufene:

miracolo per acufeni.jpg

Ipnosi per l’acufeneultima modifica: 2012-10-28T15:22:47+00:00da tonerecartucce
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Rimedi. Contrassegna il permalink.